Tenere uccelli liberi in casa, si può?

Abbiamo scelto di prendere un volatile da tenere in casa, ma l’idea che stia chiuso in una gabbia vita natural durante fa venire una sensazione di soffocamento a noi per primi.
E allora ci chiediamo: “…ma è possibile tenere un uccello libero in casa? Sta al chiuso, sarà sicuramente al sicuro!”

Le risposte a questa domanda è: “…sì, MA!

Mentre la riflessione che segue, “sta al chiuso, sarà sicuramente al sicuro!” è ASSOLUTAMENTE SBAGLIATA.

Vediamo perché.

Dobbiamo partire da un presupposto alla base che deve essere molto chiaro: la maggior parte di uccelli vengono da paesi esotici, quindi il nostro ambiente casalingo abituale è molto differente dal loro habitat naturale.

Ciò detto, è possibile tenere gli uccelli liberi in casa tenendo presente due condizioni fondamentali:

  1. Mettiamo in conto di vivere con dei fazzoletti di carta sempre a portata di mano. Molti uccelli si abituano a fare i bisogni sempre nello stesso posto, se siamo fortunati si tratta della loro gabbia, ma mediamente non è così. Potrebbe essere un qualsiasi angolo della casa, non è molto possibile prevederlo né sceglierlo noi e cercare di insegnarglielo. È un processo molto complesso, anzi, quasi impossibile.

  2. È possibile tenere liberi in casa solo esemplari che sono stati abituati fin da piccoli al contatto con l’uomo, quindi che non lo temono, e che sono stati allevati “a mano” e progressivamente abituati a stare liberi in un ambiente condiviso con umani. Quando sono già adulti è molto molto difficile abituarli.

Fatte queste due fondamentali premesse, pensiamo sia necessario passare in rassegna delle attenzioni riguardo alla casa come ambiente di vita per gli uccelli.

Pericoli della casa

Quando si pensa a tenere un uccello libero in casa, la principale preoccupazione di tutti noi è quella legata alla paura di avere le stanze tappezzate di escrementi.
Rispetto a questo, come detto sopra, ci dobbiamo mettere l’anima in pace. 

Ma nelle nostre ricerche ci siamo resi conto che questo è il minore di tutti i problemi!

Per questo motivo abbiamo scelto di fare un elenco di cose a cui prestare la massima attenzione, a costo di fare un articolo un po’ spaventoso. Perché, in fin dei conti, la cosa più importante per tutti noi è l’incolumità dei nostri adorati pet. Le nostre scelte non dovrebbero mai essere fatte a scapito loro, nemmeno quando sono fatte in buona fede.

Finestre

Le finestre per i nostri volatili sono importanti perché permettono loro di avere la luce del sole, fondamentale per il ciclo notte-giorno che regola, a sua volta, il ritmo circadiano.
Possono però diventare insidiose in alcune situazioni, ad esempio quando non sono coperte dalle tende e i vetri sono belli limpidi e trasparenti. Gli uccelli non sanno riconoscere il vetro, non lo vedono. Il rischio è che i poveretti, pensando di volare verso il cielo aperto, finiscano per andarcisi a schiantare a tutta velocità, riportando traumi anche importanti. In primis sbattendo contro il vetro, e poi cadendo a terra.

Le finestre aperte, come è facile intuire, sono un pericolo di per sé, perché gli uccelli che volano fuori difficilmente ritrovano la strada di casa e si perdono. Oltre a ciò, i rumori della strada possono spaventarli, se non sono abituati, e contribuire così al disorientamento.

Porte

Le porte, se non si fa attenzione, possono essere grande fonte di traumi.
Spesso perché gli uccelli vi stanno appollaiati in cima e, nel chiuderle, possono finire con gravi fratture alle zampe. Soprattutto se il nostro movimento nel chiudere la porta non è, paradossalmente, abbastanza rapido da spaventarli.

Non è raro nemmeno che rimangano schiacciati cercando di passare rapidamente mentre noi, che non vogliamo, chiudiamo rapidamente la porta. Ahia!

Vasi, secchi e contenitori

Gli uccelli si appoggiano spesso sul bordo di contenitori, ma non hanno ovviamente idea che possa essere pericoloso. Il contenitore potrebbe contenere del detersivo tossico, come per esempio il secchio per lavare i pavimenti, oppure anche semplicemente acqua troppo alta in cui rischierebbero di affogare.

Piante

Nella maggior parte dei casi, sono più le piante a dover temere la presenza di volatili liberi per casa, ma dobbiamo fare molta attenzione se abbiamo delle piante che sono ricoperte di spine. Gli uccelli potrebbero farsi male sia cercando di appollaiarvisi, sia nel tentativo di beccarle.

Bagno

In bagno ci sono due pericoli principali.
Il primo è la tenda della doccia, perché potrebbero rimanerci avvolti e finirebbe per essere una trappola. Anche prenderla dentro con le ali, durante il volo, potrebbe farli cadere e andare a sbattere. In uno spazio ridotto, come quello di una stanza, gli uccelli non avrebbero modo di ristabilire l’equilibrio prima di finire a terra.

Il secondo è la tazza del water. Deve rimanere sempre chiusa, in quanto gli uccelli potrebbero finirci dentro e non riuscire più ad uscire da soli. In più il fondo è pieno d’acqua, il che potrebbe fungere da attrattiva per loro ma anche trasformarsi in una trappola letale. Specie se il nostro esemplari sono di taglia piccola, come canarini o inseparabili.

Cucina

La nostra cucina è probabilmente l’ambiente più pericoloso, per due ragioni tra le più letali.
Al primo posto abbiamo il calore di fornelli e pentole. Ricordate quanto abbiamo detto del bordo dei contenitori? Ecco, a questo aggiungete le temperature ustionanti di una pentola sul fuoco e tutto vi apparirà tanto chiaro quanto preoccupante.

Al secondo posto una cosa che non avremmo mai sospettato: il teflon delle padelle antiaderenti!
Questo materiale per noi tanto utile, quando si surriscalda emette politetrafluoroetilene che è altamente tossico per gli uccelli, specialmente per i pappagalli.
L’aspetto ancora più terribile è che l’effetto è tanto improvviso quanto rapido, la maggior parte dei volatili muore entro pochi minuti. Sono pochi i casi in cui riescono ad essere salvati da veterinari aviari o esperti in animali esotici.

Varie

In questa categoria abbiamo raggruppato una serie di cose che non appartengono a una specifica categoria ma che sono ampiamente presenti nelle nostre case quotidianamente.

  • Fumo di sigaretta: che faccia male a tutti ormai è risaputo, per gli uccelli è ancora peggio grazie al loro delicato sistema respiratorio.

  • Cavi elettrici: data la grande abilità degli uccelli di mettersi a beccare praticamente qualsiasi cosa, possiamo immaginare cosa può accadere se dovessero mettersi a farlo con un cavo della corrente.

  • Spray, deodoranti e detersivi: il livello di tossicità degli spray, che siano detersivi, deodorante o persino lacche per capelli, è deleterio per gli uccelli.

  • Avvelenamento da metalli pesanti: in questo caso parliamo di piccoli oggetti in piombo, zinco, ferro, alluminio o altro che, se ingeriti, causerebbero gravi forme di avvelenamento.

  • Cibi tossici: ebbene sì, ci sono anche alcuni cibi che possono essere tossici per gli uccelli. Ad esempio, la cioccolata, le patate e le parti verdi dei pomodori sono tossici per i pappagalli.
    È assolutamente sconsigliato dar da mangiare il nostro cibo agli uccelli, meglio farsi consigliare cosa dare e cosa non dare dal nostro veterinario di fiducia.

  • Quando camminiamo: facciamo sempre attenzione quando camminiamo per casa, gli uccelli non si spostano solo volando. Spesso camminano a terra, proprio come noi.

  • Altri animali: anche questa è una cosa da tenere presente se si vuole tenere uccelli in casa, in particolare se vogliamo tenerli liberi. Sarebbero una preda perfetta per il gatto.

Ci sono altre opzioni?

Ma quindi vuol dire che è meglio evitare di tenere gli uccelli liberi per casa?
Diciamo che è molto impegnativo ma possibile, molte persone lo fanno, a patto che si tengano presente tutto le indicazioni elencate in questo articolo.

In alternativa, se si vuole andare sul sicuro, ci si può attrezzare con delle voliere molto ampie per alleviare il senso di costrizione, magari in un ambiente che ci permetta di far volare gli uccelli fuori dalla gabbia in sicurezza per un po’ prima di farli rientrare. Per chi ha un giardino è possibile installare delle voliere ancora più grandi all’aria aperta, con tutte le accortezze di sicurezza e l’attenzione alle temperature e l’habitat in generale.

Un’altra soluzione interessante, probabilmente da tenere in considerazione in ogni caso, è quella della pettorina con guinzaglio.
Eh già, anche gli uccelli si possono portare in giro al guinzaglio. In tanti adottano questa scelta per abituarli al contatto con altre persone o con ambienti nuovi, come ad esempio parchi con magari una strada rumorosa vicina.

In questo modo possiamo muoverci con maggior sicurezza, evitando terribili tragedie.